John Bowlby e la teoria dell’attaccamento

John Bowlby e la teoria dell'attaccamento

John Bowlby e la teoria dell’attaccamento

John Bowlby elaborò nel 1958 un modello di ispirazione cognitivista per spiegare la “specifica relazione”  madre-bambino.

Si riferisce al termine attaccamento come base di un sano sviluppo della personalità, riguardo la sicurezza che il bambino ha nel rapporto con la madre. In particolar modo, rispetto alla sua disponibilità di presenza protettiva e premurosa, quando il bambino si sente in pericolo o ha paura.

John Bowlby e la teoria dell’attaccamento

Le prime ricerche di Bowlby sull’attaccamento madre-bambino, iniziarono nel 1950, osservando il comportamento infantile, presso una struttura per bambini problematici, con storie di deprivazione e istituzionalizzazione.

John Bowlby e la teoria dell’attaccamento

Nel 1951 presentò all’OMS una relazione “Maternal Care and Mental Health”,  dove delineava approfonditamente,  il collegamento importantissimo fra cure materne adeguate e salute mentale del bambino.

In tutto questo, dimostrò come il legame di attaccamento si protrae nell’individuo, come bisogno adattivo che ci accompagna per tutta la vita. Il comportamento di attaccamento si attiva quando il bambino prova dolore, fatica o paura. In quelle occasioni il bambino cerca la madre, che rappresenta una “base sicura” e offre protezione e affetto. Se non riesce a percepire la madre come base sicura ingaggia comportamenti di protesta; se la madre non consola il bambino, questi prova una crescente disperazione; se continua a non avvenire, il bambino si distacca dalla madre.

John Bowlby e la teoria dell’attaccamento

Ecco le 3 fasi fondamentali di Separazione dalla madre

1. Protesta → Angoscia di separazione

2. Disperazione → Depressione, lutto

3. Distacco → Difese

Il modello interiorizzato della madre come “Base sicura” è la caratteristica principale dei bambini con attaccamento sicuro. Questi sono indipendenti e autonomi nell’esplorazione dell’ambiente, proprio perché sanno di poter contare, in caso di bisogno, su una figura di attaccamento pronta e accogliente. Ogni individuo organizza il proprio comportamento utilizzando qualsiasi capacità a disposizione, in base all’età e alle esperienze di apprendimento con le figure di attaccamento

John Bowlby e la teoria dell’attaccamento

Quindi l’attaccamento è un bisogno primario che può essere studiato all’interno di una cornice evoluzionista e di sviluppo.

Un attaccamento insicuro di tipo ansioso-ambivalente induce: rabbia, ansia, dipendenza, paura dell’abbandono.

_________________________________

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri tutto

videata

_____________________________

Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

Posted in Ipnosi Clinica. Tagged with , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *