Proprietà del cervello: le funzioni specifiche dei due emisferi

proprietà-del-cervello

Proprietà del cervello: le funzioni specifiche dei due emisferi

Più del 90% di ciò che oggi sappiamo del cervello l’ abbiamo imparato negli ultimi 20 anni.

Il rapido progresso delle neuroscienze rivela dettagli quotidiani delle funzioni cerebrali e presenta alternative nuove e migliori per sfruttare il suo enorme potenziale.

Sappiamo da tempo che ciascun emisfero ha diverse e specifiche funzioni in modo tale che le funzioni più logiche e analitiche sono eseguite nell’emisfero sinistro, mentre il più artistico e creativo è l’emisfero destro.

Tuttavia, più recentemente si è constatato che il cervello ha un potenziale più alto quando entrambi gli emisferi agiscono insieme e in modo sincrono.

Un musicista, per esempio, può utilizzare maggiormente l’ emisfero destro quando apprende una nuova melodia o durante le prove, ma quando si sviluppa il potenziale creativo o di fronte ad un pubblico in un grande concerto può raggiungere elevate prestazioni col supporto sincronizzato dei due emisferi.

Ma vediamo più nello specifico…

Cervello e sue proprietà

Il  cervello si compone di due parti chiamate emisferi, queste due parti sono collegate da una fitta rete di fibre nervose chiamate: corpo calloso.

Furono gli antichi egizi per la prima volta a notare che il cervello sinistro tende a controllare il lato destro del corpo e il cervello destro tende a controllare il lato sinistro del corpo.

Così come collegarono la perdita di funzione nei disturbi del linguaggio a cause di danni cerebrali, come risulta oggi nelle forme di afasia moderna.

Tuttavia, il vero lavoro della ricerca scientifica è iniziato intorno alla seconda metà del 19° secolo, nel 1861, col medico francese P. Broca.

I due emisferi cerebrali sono simmetrici ma non identici.

Infatti, anche se i due emisferi sono quasi simili, in termini di struttura, ogni emisfero funziona in un modo completamente diverso e ognuno è associato ad attività molto diverse.

Questa differenza emisferica si definisce  specializzazione emisferica o lateralizzazione emisferica.

EMISFERO SINISTRO:

E’ la Mente Coscientemente… Cosciente.

Il cervello di sinistra è quello logico responsabile del linguaggio, dell’analisi, dei conti matematici, della linearità e della sequenza. Si sente un io separato, non ha emozioni, causa le malattie.

Controlla il lato destro del corpo.

EMISFERO DESTRO:

E’ la Mente Inconscia.

Il cervello destro è quello creativo ed è responsabile del ritmo, della consapevolezza spaziale, del colore e delle immagini, della fantasia e del sognare ad occhi aperti. E’ la sede della memoria e dell’ intuito immediato. Non conosce spazio e tempo, si sente parte del tutto, ama, odia, ride e piange. Può curare le malattie.

Controlla il lato sinistro del corpo.

CORPO CALLOSO

Il corpo calloso è composto da un insieme di fibre nervose che collegano le cellule cerebrali dei due emisferi.

Ricordiamo… Che noi usiamo solo il 10% del nostro cervello.

La maggior parte delle persone tendono ad avere un lato dominante del loro cervello e tendono ad elaborare le informazioni usando il loro lato dominante.

Questo non significa che utilizziamo solo la metà del nostro  cervello.

Semplicemente, è solo una questione di giusto equilibrio rispetto alla elaborazione delle informazioni e l’esecuzione di attività.

Tuttavia, l’apprendimento e il pensiero sono migliori quando entrambi i lati del cervello vengono utilizzati in modo equilibrato.

Ma vediamo come funziona la dominanza cerebrale rispetto allo stile di personalità del soggetto.

Le persone che hanno una dominanza dell’emisfero sinistro possono facilmente esprimersi a parole, ma spesso hanno difficoltà a trovare le parole giuste da un punto di vista emozionale.

Le persone che hanno una prevalenza dell’emisfero sinistro tendono ad essere più capaci con il  linguaggio simbolico e la matematica.

Chi ha una dominanza destra è più fantasioso e sfrutta meglio l’immaginazione. Funziona più per immagini ed è più emozionale.

Impara visivamente per facilitare l’ elaborazione delle informazioni e ricorda per immagini mentali. Tende ad avvicinarsi alle cose in modo casuale e ha difficoltà di programmazione.

Salta facilmente da un’attività all’altra senza riguardo per le priorità. Tende  ad essere più creativo, ma ha più difficoltà con i meccanismi della comunicazione.

I soggetti con dominanza emisferica sinistra  sono buoni parlatori, sono anche bravi a pianificare e programmare.

Sono più predisposti alla scrittura e alle regole matematiche, poiché si tratta di sequenzialità e organizzazione.

Ma hanno più difficoltà ad accedere all’emozionale.

Cervello e sue proprietà

La tabella che segue indica alcune differenze fra i due emisferi.

I DUE EMISFERI CEREBRALI 

Destro 

Non Verbale: conscio della realtà ma incapace di descriverla verbalmente

Sintetico: unisce le parti formando un  tutto

Concreto: rappresenta le cose come sono nel momento

Presente Analogico: vede le somiglianze, non comprende relazioni metaforiche

Atemporale: senza il  senso del  tempo

Non razionale: non richiede fondamenti razionali dei fatti

Spaziale: percepisce le cose in relazione spaziale con altre, come parti di un tutto

Olistico: vede le cose nel loro insieme, talora in contrasto col sinistro 

Sinistro 

Verbale: utilizza parole, vocaboli, per  nominare definire

Analitico: analizza cose e realtà nelle loro parti

Simbolico: usa simboli e segni

Astratto: da un dettaglio rappresenta la realtà nella sua completezza

Temporale: dispone cose ed eventi in  sequenza temporale

Razionale: arriva a conclusioni fondate sulla ragione

Digitale: usa il metodo numerico

Logico: trae conclusioni su principi logici

Lineare: pensa in termini sequenziali

 

I bambini piccoli hanno le funzioni dell’emisfero destro che predominano sul sinistro.

Le funzioni di quello sinistro sono infatti quasi inesistenti.

Poi si assiste ad un graduale sviluppo delle funzioni relative all’emisfero sinistro, quindi la capacità di discorsi complessi e di analisi, coscienza di sé e ragionamenti logici.

E’ molto importante dire che l’ essere mancini non dimostra assolutamente una maggior specializzazione della parte destra del cervello.

I due emisferi, normalmente, elaborano le informazioni in maniera indipendente e tuttavia funzionano in modo complementare.

Sono specializzati, ma condividono ed integrano le informazioni comunicando attraverso il corpo calloso.

A seconda della nostra storia di vita e delle abitudini apprese abbiamo  sviluppato più un emisfero che un altro.

Chi si è abituato ad usare molto parole e numeri ha una prevalenza dell’ emisfero sinistro, mentre chi ama l’ arte  e la musica si è  abituato a lavorare con le immagini e con l’intuizione.

In questo caso prevale l’ emisfero destro.

Cosa  succede a chi è abile nel pensiero creativo?

Le persone che sono prevalentemente creative utilizzano un metodo/processo creativo ed usano entrambi gli emisferi…

In realtà, l’emisfero sinistro pensato per essere la parte logica e matematica gioca un ruolo fondamentale anche nel pensiero creativo, i ricercatori dell’ University of Southem California hanno scoperto che almeno per le attività creative, visive e musicali è molto importante l’emisfero sinistro.

Nel processo creativo l’emisfero sinistro si sintonizza sui fatti, raccoglie le informazioni e le analizza.

Poi il destro fluisce attorno alle idee e fa partire le libere associazioni sviluppando le intuizioni.

La fase creativa vera e propria è quella produttiva delle idee. Il tutto ripassa sotto il controllo del sinistro, che valuta le possibili soluzioni e le esegue.

“Abbiamo bisogno di entrambi gli emisferi per l’elaborazione creativa”.

In realtà la creatività è dovuta ad una collaborazione efficace ed efficiente tra i due emisferi.

Questo vale per tutte le attività umane comprese, ovviamente, quelle della nostra routine quotidiana.

Questo significa che se potessimo in qualche modo sincronizzare l’attività degli emisferi cerebrali saremmo più concentrati, saremmo più creativi, più mirati, più rilassati e, naturalmente, tutto questo ci farebbe contrastare i sintomi e gli effetti dello stress.

Anni di studio e di lavoro scientifico hanno dimostrato che imparando ad utilizzare contemporaneamente  la parte destra e sinistra del corpo induce il cervello a funzionare in modo sincrono. Entrambi gli emisferi lavorano in collaborazione.

Ci sentiamo bloccati nella risoluzione di un problema?

Scriviamo o facciamo delle piccole azioni o gesti con la mano che non usiamo di solito.

Considerando che ognuno degli emisferi è connesso con la parte opposta del corpo facendo  movimenti muscolari fuori dall’ordinario con  la parte non dominante del corpo solleciteremo  impulsi elettrici e chimici nell’emisfero cerebrale non dominante. In questo modo creeremo delle nuove interconnessioni e  nuove modalità di pensiero.

_________________________________

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri tutto

videata

_____________________________

Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

Posted in Neuro scienze. Tagged with , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *