Relazioni Tossiche in famiglia- Come difendersi

Relazioni Tossiche in famiglia

Relazioni Tossiche in famiglia- Come difendersi

Cresce sempre di più il dramma delle “Relazioni Tossiche”, soprattutto nelle famiglie, che sono fonte di sofferenza psicologica e inducono malessere e perdita di equilibrio e autostima.

Ovviamente, non è  possibile tagliare i ponti con un familiare… È complicato!

Tuttavia se non vogliamo essere logorati da queste relazioni tossiche, dobbiamo difenderci, imparando a  riconoscerle e mettendo dei limiti.

Si tratta di modelli relazionali disfunzionali, comunemente noti come “Relazioni  Tossiche”.

Queste relazioni sono caratterizzate da comportamenti dannosi  e pericolosi per l’identità dell’individuo.

Tra l’altro, è frequente, quando ci si trova coinvolti in queste dinamiche, essere presi come bersaglio di attacchi psicologici, che compromettono gravemente l’autostima e la stabilità emotiva.

Comunemente tali comportamenti sono distruttivi e ci procurano gravi danni psicologici.

Relazioni Tossiche in famiglia- Come difendersi

Caratteristiche di un Sistema Familiare Tossico

Imparare a identificare le caratteristiche di questi modelli disfunzionali tossici, può aiutarti a riprendere il controllo della tua vita.

Relazioni Tossiche in famiglia- Come difendersi

1. La comunicazione ambivalente

La caratteristica principale è il contrasto emozionale o ambivalente, l’ambiguità che entra in gioco in ogni forma di discorso. La relazione perde lo scambio comunicativo normale  e scivola quasi insensibilmente verso l’asimmetria, la mancanza di coesione.

E’ una forma di comunicazione distorta e non chiara, che genera sofferenza, perché incomprensibile.

Una comunicazione sana, cerca di evitare per quanto possibile l’ambiguità nella relazione. Al contrario, la comunicazione ambivalente oscilla continuamente tra l’attaccamento e il distacco, la costruzione e la distruzione. Si alterna fra la tenerezza e l’ostilità, l’apprezzamento e il disprezzo.

Utilizza uno stile comunicativo elusivo, ambiguo che non da modo di comprendere chiaramente le intenzioni e ha un potere distruttivo sull’individualità e l’identità.  Genera grande insicurezza!

L’ambivalenza può riguardare i gesti, i comportamenti e il linguaggio utilizzato.

A volte può trattarsi di una frase o di una semplice parola… È sufficiente prolungare o accentuare leggermente un qualsiasi comportamento, per creare un effetto ambivalente, determinando così, uno stato di stupore o di imbarazzo. La persona trovandosi in una situazione ambivalente non sa come reagire e si sente fortemente disorientata.

Relazioni Tossiche in famiglia- Come difendersi

2. La perdita di individualità

Nelle relazioni tossiche non vi è il rispetto degli spazi vitali dell’altro.

Quindi, le dinamiche affettive sono trasformate in meccanismi repressivi e di dipendenza, che minano l’individualità e spingono chi ne è vittima, verso un bisogno costante di approvazione.

Relazioni Tossiche in famiglia- Come difendersi

3. L’iperprotezione o la totale trascuratezza

Entrambe le modalità sono estreme e negative.

Iperproteggendo si toglie l’autonomia e la libertà, generando gravi danni psicologici e dipendenza.

In questo modo, si tolgono tutte le possibilità di sviluppo e crescita, limitando le risorse interne dell’individuo e le capacità di soluzione dei problemi.

Proprio da questo, poi, ne deriva un forte senso di inutilità, distruttivo.

L’iperprotezione è una forma di manipolazione potente, che porta al controllo totale della vita dell’altra persona.

All’estremo opposto, troviamo l’indolenza totale, che crea gravi ferite narcisistiche e assomiglia molto all’abbandono.

Relazioni Tossiche in famiglia- Come difendersi

4. Evitare di affrontare i problemi

Nelle relazioni tossiche  vige una regola… “Non affrontare mai chiaramente i problemi”.

Questa è una delle forme di comunicazione più nocive e deterioranti.

Comunicare attraverso il silenzio trasmette ansia e allarme, creando il paradosso discordante e distruttivo del “Va tutto bene”.

Annullare il conflitto, crea una vera sospensione emotiva, che mantiene uno stato di malessere interiore latente, fino a esplodere poi improvvisamente.

Relazioni Tossiche in famiglia-Come difendersi

5. Assenza di flessibilità

Come sempre, la rigidità implica l’impossibilità di auto-regolarsi a livello emotivo.

Questo è il motivo principale per cui vengono dati dei limiti esagerati, con una tendenza alla drammaticità, il più delle volte velata.

Relazioni Tossiche in famiglia-Come difendersi

Concludendo

Queste sono le caratteristiche principali su cui si reggono le relazioni disfunzionali. Esserne consapevoli può aiutare a salvare la propria individualità e personalità.

Per uscire da una relazione tossica devi fare un profondo e completo lavoro sulla tua persona, per ritrovare passo dopo passo te stesso!

E’ fondamentale porre nuove basi alla tua vita e ricostruire la tua autostima, che è stata compromessa da ripetute dinamiche di manipolazione, critiche distruttive e svalutazioni.

_________________________________

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri tutto

videata

_____________________________

Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

 

Posted in Autostima. Tagged with , , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *