Cos’è l’Ansia

cos'è l'ansia

Cos’è l’Ansia

Provi spesso uno stato emotivo sgradevole, ma non sai nello specifico di cosa si tratta? Ti chiedi cos’è l’Ansia?

Leggendo questo articolo imparerai a distinguere l’Ansia normale, dal Disturbo d’Ansia. Scoprirai quali sono i sintomi di Ansia e cosa fare se senti che l’Ansia sta influenzando la tua vita.

Ansia e Disturbi d’Ansia, Ansia Generalizzata, Attacchi di Panico

Cos’è l’Ansia 

L’ansia è la risposta fisica del corpo a una minaccia reale o figurata, che ci prepara ad affrontare il pericolo percepito.

L’Ansia purtroppo la viviamo sempre più spesso nella nostra vita e nella mente. La avvertiamo dentro di noi  e ci porta tanti problemi.

Cos’è l’Ansia

I sintomi dell’Ansia

Per capire con che cosa abbiamo a che fare, partiamo dal comprendere, quali sono i sintomi dell’Ansia.

Quando viviamo uno Stato d’Ansia, avvertiamo una condizione psico-fisica sgradevole: ci sentiamo costretti, affannati e molto angosciati.

A volte questa condizione ci induce anche a bloccarci in determinate situazioni e ci provoca:

  • Tensione

  • Irrequietezza

  • Apprensione

Oltre a tali sensazioni, il più delle volte, abbiamo sintomi fisici come:

  • Sudorazione

  • Tachicardia

  • Respiro affannoso

  • Tremore

Cos’è l’Ansia

L’Ansia è uno dei Disturbi Psicologici più diffusi al mondo

I Disturbi d’Ansia sono, sicuramente, tra i problemi Psicologici più ricorrenti, tuttavia oggi possono essere curati in modo efficace. Più di 250 milioni di persone ne soffrono nel mondo e si stima che in Italia siano circa 7 milioni, le persone che soffrono di Ansia.

Principali Disturbi d’Ansia

I Disturbi d’Ansia si verificano quando l’Ansia inizia a incidere gravemente sulla nostra vita. Piuttosto che sentirci ansiosi in risposta a un pericolo reale, inizieremo a sperimentare gli stessi sintomi, in situazioni che sono esenti da pericolo, ma che percepiamo come pericolose.

Fra i Disturbi d’Ansia, i più comuni sono:

Ansia generalizzata

Fobia Sociale

Attacchi di Panico

E colpiscono, rispettivamente, il 5%, 7% e 9% della popolazione.

Ansia nemica da combattere?

Anche se può sembrare strano, come dicevamo sopra, l’Ansia è una Reazione Psicologica e fisica assolutamente normale nei confronti di situazioni che temiamo. Quindi, non fa male sempre, ci mantiene al sicuro! Ci ripara dal pericolo e ci mantiene in vita, come  in questo momento.

Eppure spesso vogliamo liberarcene.

Ecco, l’Ansia non è qualcosa di cui dobbiamo liberarci necessariamente… L’Ansia esiste perché serve!

Dobbiamo solo imparare a separare l’Ansia Funzionale e utile, dall’Ansia Disfunzionale, che ci fa ammalare.

Cos’è l’Ansia

Che cosa si intende per Ansia Funzionale?

Comunemente pensiamo all’Ansia come a qualcosa di sempre negativo, ma questo non è vero, dal momento che l’Ansia rappresenta uno stato di attivazione fisiologica utile ai fini della sopravvivenza.

Avere un livello normale di Ansia, è sano.

  • Nasce in presenza di un pericolo o un evento difficile da affrontare
  • Insorge in presenza di una decisione da prendere
  • Oppure può venire in seguito a una risposta che stiamo aspettando e che tarda ad arrivare

L’Ansia ci salva la vita…

È quello stato di allerta, che ci impedisce di attraversare la strada, senza esserci assicurati di non correre alcun pericolo o camminare in una strada buia, senza guardare intorno.

Insomma, l’Ansia Funzionale, oltre a proteggerci da eventuali pericoli, è anche un’emozione che ci aiuta a essere responsabili. Come per esempio, se abbiamo una scadenza di lavoro, un’interrogazione a scuola o un appuntamento importante.

Ci motiva e ci mobilita per portare a compimento i nostri impegniCome puoi notare nel grafico sotto.

Ansia funzionale Psicologo Thiene Vicenza

La curva dell’Ansia di Yerkes e Dodson (1908) sopra, ci spiega come livelli moderati di attivazione, siano utili per l’attività e più proficui nello svolgimento dei compiti.

Cos’è l’Ansia

L’Ansia può diventare un ostacolo alle nostre attività quotidiane

E’ evidente, che il problema sorge, quando l’Ansia supera il normale livello di funzionalità. Quando l’Ansia diventa intensa al punto da farci soffrire e inibire.

Allora, come avrai compreso, è importante stabilire i confini tra Ansia fisiologica funzionale e Ansia patologica disfunzionale.

Perché quando siamo in uno stato di attivazione ansiosa funzionale, il nostro corpo sperimenta l’Ansia in modo funzionale alla realizzazione di un nostro obiettivo. Così ci attiviamo in quel momento, per canalizzare tutte le nostre risorse verso il raggiungimento del nostro scopo.

L’Ansia è diretta al conseguimento di un obiettivo e non a paralizzarci

Quando l’Ansia è Disfunzionale?

  • Se si manifesta frequentemente, senza un reale motivo
  • Quando lo stato di allarme avvertito è sproporzionato rispetto alla situazione
  • Nel momento in cui si inizia ad evitare sempre di più la situazione temuta
  • Se è compromessa la vita lavorativa, sociale o famigliare

L’Ansia diventa patologica e quindi disfunzionale, quando ci limita nelle nostre capacità di adattamento e ci ostacola nel raggiungimento dei nostri obiettivi.

Possiamo riconoscere subito l’Ansia disfunzionale, perché è vaga e prevalgono sentimenti spiacevoli costanti e uno stato d’incertezza rispetto al futuro. Viviamo uno stato di allarme, senza che ci sia un pericolo reale.

Il nostro compito non è quello di azzerare l’Ansia

Quindi, è molto importante saper distinguere quando l’Ansia è funzionale al raggiungimento dei nostri obiettivi e quando, invece, diventa una sofferenza psichica che ci ostacola nelle nostre attività quotidiane.

In questo ultimo caso, ci rende  la vita certamente difficile, ci paralizza e ci intrappola in un circolo vizioso da cui è difficile uscirne.

Cos’è l’Ansia

Cosa fare con una persona che soffre di Ansia?

Quando si ha a che fare con una persona che soffre di Ansia, è meglio non sminuire ciò che sente.

E’ soprattutto sconsigliato, obbligarla ad affrontare la fonte di Ansia per dimostrarle che ce la può fare.

Per esempio, una persona che soffre di Attacchi di Panico o ha paura di qualcosa, così da bloccarsi ed evitare certe situazioni, non lo fa apposta. Non è una questione di volontà!

Chi soffre di Ansia è intrappolato nel meccanismo e non riesce a vedere le cose in altro modo.

A volte si è tentati di accudire la persona Ansiosa, pertanto, la accompagniamo e la assistiamo per proteggerla. Anche questo, non è utile, perché proteggendola esageratamente, diamo conferma proprio alla sua stessa Ansia e non agevoliamo l’autonomia, per affrontare le situazioni.

Inoltre, questo fortifica la convinzione di non essere capace di affrontare le situazioni.

6 passi per aiutare una persona ansiosa

  1. Assumere un atteggiamento calmo e tranquillizzante
  2. Fare esprimere la persona, affinché possa parlare delle sue paure
  3. Non colpevolizzarla
  4. Non sminuire il vissuto di paura
  5. Ascoltare la persona è fondamentale, per farla sentire supportata
  6. Invitare, con gradualità, la persona a chiedere un aiuto professionale

Cosa fare se soffri di Ansia in prima persona?

Prima di tutto, evita i pensieri catastrofici. Il problema dell’Ansia è strettamente collegato con i meccanismi di pensiero e di solito si è portati a sovrastimare la possibilità di un pericolo e la sua gravità.

D’altra parte, si è anche portati a sottostimare la propria capacità di superare le situazioni difficili.

Per questo se soffri di Ansia  tendi a passare molto tempo, preoccupandoti per le cose brutte che potrebbero accadere a te o ai tuoi cari.

Ricorda che, più porti l’attenzione sugli eventi negativi e ti preoccupi, maggiormente sei propenso a credere che questi accadranno veramente.

I pensieri catastrofici, conducono a reazioni emotive molto ansiogene

Vincere l’Ansia

3 passi fondamentali per vincere l’Ansia

1. Vinci l’Ansia senza combatterla

Concentrarti sui sintomi ansiosi per scacciarli, può farti sentire ancora più ansioso e ancora più a lungo. Lascia scivolare via… Concentrati sul tuo respiro! Questo è il modo più efficace per far passare l’Ansia più in fretta.

2. Vinci rimanendo nella situazione temuta

Il processo di affrontare deliberatamente la paura e rimanerci dentro, finché non diminuisce, è conosciuto come esposizione o desensibilizzazione.

3. Affronta ripetutamente le tue paure

Affrontando volutamente le tue paure, l’Ansia diventerà sempre meno intensa e durerà sempre meno ad ogni esposizione. Parti dalla paura meno intensa ed esponiti, al livello giusto. Pianifica accuratamente questo processo, in modo che possano essere delle esposizioni fattibili e riuscire a gestirle. Aumenta poi, man mano il livello di difficoltà.

Come curare l’Ansia

Il Trattamento Psicologico è quello più efficace.

Fra i Trattamenti Psicologici, la Psicoterapia Psicodinamica si è dimostrata la più valida, nella cura dei Disturbi d’Ansia, per andare a fondo e comprendere da dove deriva, attraverso l’individuazione dei pensieri ansiosi.

Inoltre il percorso di Psicoterapia, può essere integrato col Training Autogeno, che ti aiuterà a conoscere e riconoscere l’Ansia e i suoi sintomi fisici, a saperli gestire, interrompendo il ciclo di tensione crescente.

 

Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

_______________

Bibliografia

  • American Psychiatric Association (2001), DSM-IV-TR, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali – Text Revision, Masson, Milano
  • Borgna E., Le figure dell’ansia, Feltrinelli, Milano, 1998
  • Braconnier A., Piccoli o grandi ansiosi? Come trasformare l’ansia in una forza, Raffaello Cortina Editore, Milano, 2003
  • Dugas, M. J., & Robichaud, M. (2007).Cognitive-behavioral treatment for generalized anxiety disorder: From science to practice. New York/London: Routledge
  • Wells, A. (2000). Emotional Disorder and Metacognition: Innovative Cognitive Therapy. London: John Wiley & Sons Ltd. Trad. It. Disturbi emozionali e metacognizione. Trento: Erikson, 2002

 

Soffri di Ansia?

Nuovo Corso Digitale per Gestire l’ Ansia e il Panico

Le 10 Tecniche Fondamentali che Ti porteranno a Risolverla in 30 giorni

>> Clicca qui per scoprire di più >>

Ansia, Vincere l'Ansia

ansia-ebook

_____________________

Vuoi migliorare l’Autostima?

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

>> Clicca qui per scoprire di più >>

videata

Cosa ne pensi di questo post?
[Totali: 5 Media: 5]
Dott.ssa Anna Maria Pisanello
Dott.ssa Anna Maria Pisanello

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologo-Psicoterapeuta a indirizzo Psicodinamico e Ipnoterapeuta. Iscritta all'Ordine degli Psicologi del Veneto col Numero 11348 Svolgo la libera professione come Psicologo Psicoterapeuta e Ipnoterapeuta a Thiene Vicenza. Sono specializzata in Psicoterapia Psicodinamica e Ipnoterapia. Da oltre 29 anni metto le mie competenze al servizio delle persone che seguo, sostenendole nel loro percorso di vita e di crescita personale come Psicologo a Thiene, ma anche Psicoterapeuta, Ipnoterapeuta e Operatore di Training Autogeno. Fornisco Consulenza Psicologica e Psicoterapia per ansia, attacchi di panico, depressione, disturbi delle relazioni, bassa autostima, crisi di coppia. Ricevo nel mio Studio di Psicologia e Psicoterapia a Thiene Vicenza, Galleria Garibaldi, 35. Come Psicologo Psicoterapeuta lavoro con le persone, per aiutarle a prendere maggiore consapevolezza delle proprie percezioni e modificare la propria prospettiva quando serve. Le aiuto a gestire l’ansia, le emozioni e quindi i comportamenti disfunzionali, che portano a sofferenza. Ognuno di noi va bene così com'è. Tuttavia certe volte, possiamo decidere di cambiare l'approccio che abbiamo alla vita, per sentirci più felici e stare meglio. In quanto Psicologo Psicoterapeuta aiuto le persone a trovare le più adeguate alternative al proprio sentire e agire per potersi sentire più libere, veramente libere di scegliere.

Leave a reply