Autostima e Depressione

Autostima e Depressione

Autostima e Depressione

Chi ha una scarsa autostima non ama la vita… E può correre il rischio di cadere nella depressione!

L’autostima è il valore che diamo a noi stessi a seconda di come ci percepiamo e ci viviamo interiormente.
Ha degli effetti molto potenti sulla nostra vita quotidiana, perché influenza le nostre aspettative e i nostri comportamenti.
Il pericolo maggiore della scarsa autostima è quello di cadere nel meccanismo della depressione.
Scarsa autostima e depressione viaggiano di pari passo. Infatti la scarsa autostima induce atteggiamenti negativi e considerevoli stati di ansia, apprensione, sensi di inadeguatezza e scarsa fiducia nelle proprie capacità.
L’autostima non è un preciso riflesso delle nostre competenze, ma riguarda le convinzioni che abbiamo su noi stessi, che influiscono sull’atteggiamento generale nei confronti della vita.

La depressione

La bassa autostima è tra le prime cause della depressione.

La depressione è tra i disagi psichici più diffusi al mondo ed emerge già in giovane età.
La depressione è caratterizzata da uno stile di pensiero e da una modalità tipica di valutazione della realtà.
Si impronta su una visione negativa della vita e sulla convinzione di non avere speranze di riuscita.
L’effetto della bassa autostima è quello di attribuire la responsabilità di tale disperazione a eventi esterni e negativi della vita.
L’elemento principale della depressione è la percezione di incapacità a gestire le situazioni e a utilizzare le proprie risorse interiori.

La scarsa autostima ci porta alla depressione

Per amare la vita dobbiamo prima imparare ad amare noi stessi!

Il rapporto che abbiamo con noi stessi è fondamentale per la qualità della nostra vita.
Quando stiamo bene con noi stessi, stiamo bene anche con gli altri.
Chi non ama sé stesso perde di vista il vero significato della vita e cade in trappole di pensiero di tipo depressivo.
Infatti, la persona depressa perde l’interesse per quasi tutte le attività che danno piacere. E’ stanca e affaticata e manca di energie.
Non riesce a prendere decisioni e si sente inutile, negativa o continuamente colpevole sino ad arrivare a odiare completamente se stessa.
La distorsione dell’autostima è la causa principale della depressione, proprio perché la persona depressa non si sente mai all’altezza delle situazioni, anche quando le sue capacità sono buone e ricevono l’apprezzamento degli altri.

La sindrome dell’impostore

Il depresso si sente IMPOSTORE DI SE STESSO.

Soffre della sindrome dell’impostore.
Un particolare meccanismo di pensiero in cui prevale la paura di non essere  mai adeguato e all’altezza dei riconoscimenti e apprezzamenti che riceve dagli altri.
Questo Stile di pensiero è tipico delle persone con bassa autostima e dipende dalla scarsa fiducia in se stessi e dall’incapacità di riconoscere le proprie capacità.
La sindrome dell’impostore fu individuata e descritta, verso la fine degli anni 70 dalle psicologhe  Suzanne Imes e Pauline Clance.
La persona che cade in questo circolo vizioso di pensieri è convinta che i suoi  successi siano dovuti più a fortunate circostanze esterne che alle sue reali capacità.
Nel profondo di se stessa, continua a credere da qualche parte che, gli altri la riconosceranno per quello che è  “veramente” e non la stimeranno poi così tanto.
L’autostima si nutre senz’altro dei riconoscimenti e delle conferme che provengono dall’esterno, ma  è fondamentale lavorare costantemente all’interno di noi stessi per mantenerla sana e a un buon livello.

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri tutto

#Disturbo Narcisistico di Personalità e Bassa Autostima, #autostima, #potenziare l'autostima, #migliorare se stessi

_____________________________

Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

Posted in Autostima.

One Response

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *