Perché le Benzodiazepine danneggiano il cervello? Ecco cosa sapere prima di assumerle

Perché le Benzodiazepine danneggiano il cervello

Notevoli studi scientifici recenti, denotano, gravi e permanenti , danni al cervello, associati con l’assunzione di benzodiazepine, gli psicofarmaci ansiolitici più comunemente prescritti, negli ultimi vent’anni.

Le benzodiazepine sono farmaci psicotropi o più comunemente droghe, create dall’industria farmaceutica.

Sono capaci di alterare l’attività mentale e le funzioni psichiche di chi le assumeinducendo alla depressione del Sistema Nervoso Centrale.

Causano depressione da lieve a grave e riducono l’attività del cervello.

Inoltre danno dipendenza e aumentano il rischio di demenza, accelerando il declino cognitivo, come mostrano i risultati di studi scientifici approfonditi.

Lo studio di Sophie Billioti Gagee, dell’Istituto Francese di Ricerca Medica INSERM, dimostra come le benzodiazepine aumentino significativamente il rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer. La più nota malattia neurodegenerativa, che in Italia colpisce centinaia di migliaia di persone ogni anno.

Le benzodiazepine furono messe sul mercato negli anni ’60, diventando il trattamento principale per l’insonnia e i disturbi d’ansia a causa delle loro proprietà sedative, ipnotiche, ansiolitiche,

Le principali benzodiazepine sono: 

Diazepam

  • Valium 
  • Ansiolin

Lorazepam

  • Tavor
  • Control

Prazepam

  • Prazene

Delorazepam

  • En

Bromazepam

  • Lexotan

Lormetazepam

  • Minians

Flunitrazepam 

  • Roipnol
  • Darkene

Alprazolam

  • Xanax

 

Sono farmaci derivati dal clordiazepossido, sostanza avente proprietà sedative e ipnotiche che variano a seconda della molecola.

Negli ultimi vent’anni, l’abuso di benzodiazepine è aumentato in modo allarmante

Chi le assume sente stanchezza, irritabilità, difficoltà a svolgere il proprio lavoro e in generale un peggioramento della qualità della vita.

Le benzodiazepine agiscono sul Sistema Nervoso Centrale e ne modificano alcuni processi chimici naturali e fisiologici.

Ecco allora perché le benzodiazepine creano gravi danni al cervello...

segno di spuntaLe benzodiazepine portano facilmente alla demenza 

Uno  Studio Francese pubblicato sulla rivista British Medical Journal conferma che chi assume benzodiazepine per un periodo superiore a tre mesi, rischia notevolmente di sviluppare il Morbo di Alzheimer.

Questo studio ha dimostrato come:

  • L’assunzione una volta al giorno, per 3 – 6 mesi aumenta il rischio di malattia di Alzheimer del 30%
  • L’assunzione una volta al giorno, per più di sei mesi aumenta il rischio di Alzheimer del 60-80%.

segno di spuntaLe benzodiazepine inducono dipendenza, sia fisica che psicologica

E’ cosa ormai nota, che più si assumono questi farmaci e più è difficile smettere di assumerli.

segno di spuntaLe benzodiazepine inducono assuefazione

Infatti, è necessario aumentare la dose o cambiare molecola, per sentire qualche lieve beneficio.

segno di spuntaLe benzodiazepine inducono crisi di astinenza

Quando si prova a interrompere l’assunzione, si avverte quello che è conosciuto come “effetto rebound“, compaiono tutti i sintomi della privazione, con recidiva dei sintomi, allucinazioni, psicosi, convulsioni, irritabilità, palpitazioni, tremori, sudorazioni, nausea, cefalea e forte malessere.

segno di spuntaLe benzodiazepine danno effetti indesiderati

Fra le altre cose si aggiungono effetti indesiderati: disturbi del movimento, disturbi cognitivi, cefalea, vertigini, nausea, vomito, incontinenza, tremore ecc.

Come prevenire danni irreversibili

È importante sapere che l’efficacia delle benzodiazepine è molto limitata, tamponano i sintomi, ma non curano l’Ansia. Queste dovrebbero essere assunte per un paio di settimane al massimo, onde  ridurre il più possibile una serie di effetti distruttivi per il cervello e a carico del Sistema Nervoso Centrale.

In 4 settimane c’è già il rischio di divenire  dipendenti, compare un peggioramento della memoria, della concentrazione e sintomi depressivi. 

Inoltre possono anche comparire comportamenti aggressivi o violenti, confusione e allucinazioni. Viene ridotta la prontezza alla guida e il normale svolgersi della tua vita ne risulta fortemente compromessa. 

Se purtroppo ti sei intrappolato nel tunnel della dipendenza  da ansiolitici, è innanzi tutto, indispensabile uscirne. Puoi farlo attraverso un mirato supporto psicoterapeutico, che ti aiuti a superare il problema alla radice. 

 

Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

_________________________________

Soffri di Ansia?

Ecco il Nuovo Corso Digitale per Imparare a Gestire l’ Ansia e il Panico

Le 10 Tecniche Fondamentali che Ti porteranno a Risolverla in 30 giorni

Clicca qui e scopri tutto

Ansia, Vincere l'Ansia

ansia-ebook

 ____________

Vuoi Migliorare l’Autostima?

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri tutto

videata

 
Cosa ne pensi di questo post?
[Totali: 0 Media: 0]
Dott.ssa Anna Maria Pisanello
Dott.ssa Anna Maria Pisanello

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologo-Psicoterapeuta a indirizzo Psicodinamico e Ipnoterapeuta. Iscritta all'Ordine degli Psicologi del Veneto col Numero 11348 Svolgo la libera professione come Psicologo Psicoterapeuta e Ipnoterapeuta a Thiene Vicenza. Sono specializzata in Psicoterapia Psicodinamica e Ipnoterapia. Da oltre 29 anni metto le mie competenze al servizio delle persone che seguo, sostenendole nel loro percorso di vita e di crescita personale come Psicologo a Thiene, ma anche Psicoterapeuta, Ipnoterapeuta e Operatore di Training Autogeno. Fornisco Consulenza Psicologica e Psicoterapia per ansia, attacchi di panico, depressione, disturbi delle relazioni, bassa autostima, crisi di coppia. Ricevo nel mio Studio di Psicologia e Psicoterapia a Thiene Vicenza, Galleria Garibaldi, 35. Come Psicologo Psicoterapeuta lavoro con le persone, per aiutarle a prendere maggiore consapevolezza delle proprie percezioni e modificare la propria prospettiva quando serve. Le aiuto a gestire l’ansia, le emozioni e quindi i comportamenti disfunzionali, che portano a sofferenza. Ognuno di noi va bene così com'è. Tuttavia certe volte, possiamo decidere di cambiare l'approccio che abbiamo alla vita, per sentirci più felici e stare meglio. In quanto Psicologo Psicoterapeuta aiuto le persone a trovare le più adeguate alternative al proprio sentire e agire per potersi sentire più libere, veramente libere di scegliere.

Leave a reply