Disturbo Ossessivo- Compulsivo, cos’è.

disturbo ossessivo compulsivo

Disturbo Ossessivo Compulsivo- Cos’è e come riconoscerlo

Come capire se sei un Ossessivo Compulsivo? 6 elementi importanti

Le caratteristiche fondamentali del Disturbo Ossessivo Compulsivo sono i pensieri ossessivi e i rituali, ossia le compulsioni, che vengono ripetuti allo stremo e in modo incontrollato.

Con la nuova classificazione del DSM 5 è stato spostato in un nuovo capitolo, precedentemente inserito tra i disturbi d’ansia (DSM-IV-TR).

Le statistiche ci dicono che è un disturbo frequente e che un alto numero di persone soffre di Disturbo Ossessivo Compulsivo.

Tuttavia alcuni tratti caratteriali del Disturbo Ossessivo Compulsivo appartengono a ognuno di noi, ma questo non significa che ne siamo affetti.

Come fare allora a capire se soffriamo di Disturbo Ossessivo Compulsivo o abbiamo solo dei normalissimi tratti caratteriali, che ci contraddistinguono?

Disturbo Ossessivo Compulsivo- 6 elementi che lo caratterizzano

Ecco di seguito 6 elementi che ci possono far capire se siamo ammalati di Ossessione Compulsione o se si tratta solo di tratti del nostro carattere.

1. Lavarsi le mani più e più volte

Se hai bisogno di lavarti le mani molto spesso durante la giornata… Non vuol dire, sempre, che sei un Ossessivo Compulsivo!

Quello che contraddistingue una Ossessione – Compulsione, è la sofferenza che avvertiamo, perché l’azione è fuori dal nostro controllo.

Infatti, si tratta di una spinta irresistibile a lavarsi le mani ripetutamente, anche se ci si rende conto che è un comportamento insensato. A questo può associarsi la paura dei germi o la paura di poter contrarre delle malattie.

2.  Il Controllo

Tutti possiamo avere il bisogno di assicurarci che il gas sia chiuso prima di uscire da casa. A volte possiamo sentire la necessità di verificare la correttezza delle nostre azioni un paio di volte.

Tuttavia, nel Disturbo Ossessivo Compulsivo questo controllo diventa esagerato sino ad arrivare a compromettere il normale svolgersi della nostra vita.

Il tutto parte dal pensiero che impedisce la scorrevolezza degli eventi e ci tiene bloccati sul dover ripetere consecutivamente l’azione di controllare, altrimenti non abbiamo pace.

3. Rituali numerici compulsivo 3

Tipico del Disturbo Ossessivo Compulsivo è ripetere calcoli matematici, tenere a mente numeri di targa, contare i bocconi di cibo deglutiti e così via.

Il significato attribuito a questi rituali è spesso scaramantico, diretto a evitare  disgrazie o a propiziare eventi futuri.

4. Dubbio patologico

Anche il dubbio patologico è un altro elemento che caratterizza il Disturbo Ossessivo Compulsivo e rende la vita impossibile. Si è preda della paura di commettere azioni aggressive a cui si associa il terrore di poter perdere il controllo: come uccidere, ferire, strangolare, mutilare, violentare.

Chi è preda di questo tipo di ossessioni evita di tenere oggetti ritenuti pericolosi, come armi o coltelli. In genere si compiono estenuanti rituali molto complessi, per proteggersi dal dubbio.

5. Accumulo di oggetti o collezionismo

A tutti può far piacere conservare qualche oggetto che si collega con vecchi ricordi, o avere come hobby il collezionismo di particolari oggetti, come cartoline o francobolli e altro…

Nel Disturbo Ossessivo Compulsivo, però, lo spazio occupato dalle “collezioni” può raggiungere limiti inimmaginabili. Può arrivare a occupare la maggior parte dello spazio dentro casa.

L’impulso all’accumulo è irrefrenabile.

Viene conservato di tutto, anche cose avariabili, perché potrebbero servire.

6. Ordine e simmetria


Non dobbiamo scambiare la normale e sana tendenza all’ordine e alla pianificazione, che fa parte di una modalità di pensiero organizzato, con l’intolleranza al disordine o all’asimmetria che rientra nel Disturbo Ossessivo Compulsivo.

Infatti, nel Disturbo Ossessivo Compulsivo  si tratta proprio di una forma di stridente esagerazione.

Quadri, abiti, libri, fogli, penne, bicchieri e quant’altro, devono essere allineati e simmetrici, perfettamente ordinati seguendo  una precisa logica, come per esempio il colore o la dimensione. E’ vissuta una lotta interna costante, che porta a un enorme spreco di tempo. A volte vengono impiegate anche molte ore per mettere a posto e ordinare oggetti che sono percepiti come asimmetrici e disordinati.

Le Ossessioni di ordine e simmetria possono riguardare anche il proprio corpo, come pettinarsi o vestirsi.

In conclusione 

Possiamo parlare di Disturbo Ossessivo Compulsivo, soltanto se i pensieri ossessivi  e i rituali ossessivi comportano una marcata sofferenza e compromettono il normale funzionamento quotidiano sia nella vita sociale, che lavorativa.

Un Disturbo Ossessivo Compulsivo si basa su due caratteristiche centrali:

• Le ossessioni sono ripetitive, frequenti e persistenti.

• Prevale la sensazione che tutto questo sia imposto e fuori dal proprio controllo.

 

_________________________________

 Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

_________________________________

Soffri di Ansia?

Ecco il Nuovo Corso Digitale per Imparare a Gestire l’ Ansia e il Panico

Le 10 Tecniche Fondamentali che Ti porteranno a Risolverla in 30 giorni

Clicca qui e scopri tutto

Ansia, Vincere l'Ansia

ansia-ebook

_____________________

Vuoi migliorare l’Autostima?

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri tutto

videata

  • Veramente un articolo interessante, mi ha aperto gli occhi su comportamenti di una cara amica che non riuscivo a comprendere. Grazie

    • Leave a reply