Ruminazione Mentale e Ansia: come liberarsi dai pensieri negativi

Ruminazione-Mentale-Ansia-psicologo-vicenza.jpg

La ruminazione mentale produce pensieri ripetitivi, negativi e inconcludenti. Quando non si riesce a vivere la vita serenamente a causa della ruminazione, la mente spesso si sovraccarica di pensieri negativi e preoccupazioni, sfociando persino nell’Ansia e nella Depressione.

Infatti se non alleniamo la nostra mente, questa produce pensieri negativi in continuazione e proprio per questo motivo molte volte ci perdiamo in un labirinto fatto di domande senza via di uscita e così accumuliamo rabbia e frustrazione.

In questo articolo voglio darti alcune informazioni su questo argomento e alcuni suggerimenti pratici per risolvere la ruminazione ansiosa.


Potrebbe interessarti anche:

Come migliorare il dialogo interiore

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologo Psicoterapeuta Thiene Vicenza


Cos’è la ruminazione ansiosa

La ruminazione o rimuginio è un meccanismo di pensiero che si continua a ripetere, spesso di tipo astratto. Sembra che la ruminazione sia data da uno specifico stile cognitivo, ovvero la tendenza a focalizzare la propria attenzione principalmente sugli stimoli emotivi negativi o a ricordare prevalentemente quanto di negativo si è sperimentato in passato (Whitmer, Gotlib, 2013).

Questo stile di pensiero è disfunzionale e produce comportamenti maladattivi. Si associa spesso a immagini invasive e interrogativi che risucchiano letteralmente le energie di chi ne soffre.

La ruminazione è spesso associata a stati di ansia e ad emozioni come rabbia sensi di colpa o depressione.


Potrebbe interessarti leggere anche:

E se Riuscissi a Gestire la Rabbia?

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologo Psicoterapeuta Thiene Vicenza

Ruminazione mentale ed emozioni inespresse

Spesso la ruminazione si associa a emozioni latenti che sono stati emotivi non pienamente consapevoli, quindi inconsce.

Se trascinate a lungo, diventano croniche e giorno dopo giorno, il loro peso grava sulla salute e sulla serenità interiore.

Le emozioni inespresse agiscono a livello inconscio condizionando le scelte quotidiane, influenzando abitudini e comportamenti, interferendo nelle relazioni affettive e possono influire sull’intero corso della propria esistenza.

Nella mia pratica clinica come psicoterapeuta è abbastanza comune trovare persone che hanno difficoltà nel riconoscere le proprie emozioni. Perciò, in questi casi intervengo con quella che viene definita alfabetizzazione emotiva o chiamata anche educazione emotiva, che consiste nell’aiutare a riconoscere le proprie emozioni, esprimerle e gestirle in modo consapevole.

Rimuginazione e rabbia repressa: come rovinarsi la vita

Gli studi dimostrano che la rabbia repressa può diventare molto contro producenterende e rende meno capaci di gestire lo stress. Aumenta i livelli di ruminazione e di aggressività indebolendo la capacità di autocontrollo.

Nella rimuginazione i pensieri negativi aumentano notevolmente e il costo energetico è quindi davvero impegnativo.

Il meccanismo vizioso dei pensieri ripetitivi può procurare molti problemi a livello emotivo compromettendo anche la salute fisica della persona.

Le ricerche scientifiche infatti dimostrano che le emozioni sono in collegamento diretto con il corpo e con il sistema nervoso e immunitario.


Come gestire i pensieri negativi per il tuo benessere

I pensieri negativi ricorrenti, insistenti e indesiderati, hanno una carica emotiva per questo generano un effetto potente su mente e corpo. Sono collegati a un modo di vedere e di leggere il mondo ma non ne sono la fedele rappresentazione.

Trasformare il proprio dialogo interiore può aiutare a gestire i pensieri negativi per evitare di trattenere le emozioni spiacevoli.

È importante prestare attenzione alla propria mente, proprio perché i pensieri negativi possono accumularsi e creare dei vortici potenti che risucchiano tutta l’energia.

Per il nostro benessere è lecito avere fino a un massimo di tre pensieri negativi al giorno. Andando oltre possiamo rischiare di intrappolarci in stati d’animo sempre più ansiosi che possono generare depressione.


Tre Strategie per gestire i pensieri negativi

Quello che vorrei ricordassi per gestire i pensieri negativi sono questi 3 punti principali


Ascoltati

La premessa necessaria da cui partire per gestire i pensieri negativi è ascoltarsi.

Ascolta il flusso dei tuoi pensieri e come stanno fluendo dentro di te. Prenditi qualche momento per ascoltarti.


Scrivi i tuoi pensieri

Questo passaggio è fondamentale. Quando i pensieri negativi invadono la tua mente cerca di individuarli e scrivi tutto quello che ti sta succedendo, qualunque pensiero e stato d’animo tu stia vivendo.

Con questa strategia puoi fare chiarezza dentro di te e inoltre puoi liberare un po’ di energia positiva. Una mente libera, infatti, riesce a pensare con maggiore lucidità.


Cambia il tuo atteggiamento mentale

Con questo passaggio puoi aiutarti a interrompere il circolo vizioso che aumenta le preoccupazioni e ti condiziona in tutti gli aspetti della vita, invalidando la tua forza mentale.

Sforzati dunque di modificare i tuoi atteggiamenti catastrofisti.

Pensieri come: «Quanto sto male», «Sono a pezzi», «Non riesco a fare niente» non fanno che aumentare lo stress e minano la tua autostima.

Al contrario, cerca di incoraggiarti nel tuo processo di trasformazione. Per quanto in ansia tu sia, ripeti a te stesso ogni giorno: «Posso farcela» e frasi simili potenzianti, che sollecitino la fiducia in te stesso e ti facciano reagire positivamente.

:


Potrebbe interessarti anche leggere:

Guida gratuita per gestire i pensieri negativi

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologa Psicoterapeuta Thiene Vicenza

Se quello che hai fatto finora non ha funzionato, può essere utile intraprendere un Percorso di Psicoterapia. Qui sarai in grado di esprimere liberamente i tuoi sentimenti in un ambiente imparziale e sicuro senza paura del giudizio. Portarsi dentro troppo a lungo la sofferenza fa solo peggiorare le cose.


Vuoi saperne di più? Consultami

>> Per contattarmi fai clic qui

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologa Psicoterapeuta Thiene Vicenza

Bibliografia

Borkovec, T.D. (1994). The nature, functions, and origins of worry. In G. Davey e F. Tallis (Eds.), Worrying: Perspectives on theory, assessment and treatment (pp. 5-33). Chichester, England: Wiley.

Broderick, P. C., & Korteland, C. (2004). A prospective study of rumination and depression in early adolescence. Journal of Clinical Child and Adolescent Psychology, 9, 383e394.

Clark, D. A., & Beck, A. T. (2010). Cognitive theory and therapy of anxiety and depression: convergence with neurobiological findings. Trends in cognitive sciences, 14(9), 418-424

Harvey, A. G., Watkins, E., Mansell, W., & Shafran, R. (2004). Cognitive behavioural processes across psychological disorders. Oxford, United Kingdom: Oxford University Press.

Manfredi, C., Caselli G., Rebecchi, D., Rovetto F., Ruggiero, G.M., Sassaroli, S., Spada, MM (2011). Temperament and Parental Styles as Predictors of Ruminative Brooding and Worry. Personality and Individual Differences, 50(2), 186-191

Martino, F., Caselli, G., Berardi, D., Fiore, F., Marino, E., Menchetti, M., Prunetti, E., Ruggiero, G. M., Sasdelli, A., Selby, E., and Sassaroli, S. (2015) Anger rumination and aggressive behaviour in borderline personality disorder. Personality and Mental Health, doi: 10.1002/pmh.1310.

Ruscio, A.M., Gentes, E.E., Jones, J.D., Hallion, L.S., Coleman, E.S., Swendsen, J. (2015), “Rumination Predicts Heightened Responding to Stressful Life Events in Major Depressive Disorder and Generalized Anxiety Disorder”. In Journal of Abnormal Psychology, vol. 124(1), pp. 17-26.


Mi auguro che questo articolo ti sia stato utile.

Lascia pure un tuo commento, sarò felice di leggerti!


Letture consigliate


Soffri di Ansia?

Ecco il Nuovo Corso Digitale per Imparare a Gestire l’ Ansia e il Panico

Le 10 Tecniche Fondamentali che Ti porteranno a Risolverla in 30 giorni

Clicca qui e scopri di più

Ansia, Vincere l'Ansia
ansia-ebook

Vuoi migliorare l’Autostima?

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri di più 

videata

Cosa ne pensi di questo post?
[Totali: 7 Media: 4.3]
Dott.ssa Anna Maria Pisanello

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologo-Psicoterapeuta a indirizzo Psicodinamico e Ipnoterapeuta. Iscritta all'Ordine degli Psicologi del Veneto col Numero 11348 Svolgo la libera professione come Psicologo Psicoterapeuta e Ipnoterapeuta a Thiene Vicenza. Sono specializzata in Psicoterapia Psicodinamica e Ipnoterapia. Da oltre 29 anni metto le mie competenze al servizio delle persone che seguo, sostenendole nel loro percorso di vita e di crescita personale come Psicologo a Thiene, ma anche Psicoterapeuta, Ipnoterapeuta e Operatore di Training Autogeno. Fornisco Consulenza Psicologica e Psicoterapia per ansia, attacchi di panico, depressione, disturbi delle relazioni, bassa autostima, crisi di coppia. Ricevo nel mio Studio di Psicologia e Psicoterapia a Thiene Vicenza, Galleria Garibaldi, 35. Come Psicologo Psicoterapeuta lavoro con le persone, per aiutarle a prendere maggiore consapevolezza delle proprie percezioni e modificare la propria prospettiva quando serve. Le aiuto a gestire l’ansia, le emozioni e quindi i comportamenti disfunzionali, che portano a sofferenza. Ognuno di noi va bene così com'è. Tuttavia certe volte, possiamo decidere di cambiare l'approccio che abbiamo alla vita, per sentirci più felici e stare meglio. In quanto Psicologo Psicoterapeuta aiuto le persone a trovare le più adeguate alternative al proprio sentire e agire per potersi sentire più libere, veramente libere di scegliere.

Leave a reply