Come uscire dalla Dipendenza Affettiva? 3 soluzioni e come curarla

Come-uscire-dalla-dipendenza-affettiva-psicologo-Vicenza

Come uscire dalla Dipendenza Affettiva? Chi ne soffre ha un modo disfunzionale di vivere la relazione e un costante bisogno dell’altro per colmare i propri vuoti affettivi ed emotivi.

La dipendenza affettiva è un disturbo della relazione, che può portare molta sofferenza. Particolarmente  riguarda la relazione di coppia, ma a volte può verificarsi anche in altri tipi di rapporto. Per esempio nei rapporti di amicizia, nel rapporto genitori figli o anche nel lavoro.

La dinamica di dipendenza si manifesta spesso attraverso uno squilibrio del rapporto, dove non vi è reciprocità nel dare e ricevere sostegno e affetto.

In questo articolo ti spiego come riconoscerla e come uscirne imparando a diventare più autonomi emotivamente.

Come uscire dalla Dipendenza affettiva

Ti propongo prima di tutto, di fare questo test per scoprire se sei in una relazione tossica!

Test Coppia- Sei in una relazione tossica? 


Relazioni tossiche: la dipendenza affettiva

Per chi soffre di dipendenza affettiva è più facile cadere nel circolo vizioso delle relazioni tossiche. Il fatto è che queste relazioni prosciugano tutte le energie e condizionano maggiormente la persona dipendente, facendola sentire senza via d’uscita.

Si tratta, cioè di relazioni che all’inizio sembrano funzionare bene, sembra esserci affinità. Purtroppo, però come spesso accade, si viene assorbiti in fretta nel meccanismo relazionale tossico da cui è difficile uscire.

Dipendenza affettiva cos’è?

Come ti dicevo precedentemente, la dipendenza affettiva è una forma distorta di stare nella relazione. Infatti, chi ne è soggetto prova un attaccamento eccessivo ed è pronto a sacrificare le proprie necessità, per non rinunciare o perdere quella persona.

Insomma chi ne soffre, è letteralmente dipendente dall’altro per mantenere il proprio equilibrio emotivo e psicologico.

Di solito il dipendente affettivo si sente molto fragile, e bisognoso di costanti appoggi esterni. Inoltre ha una percezione di sé molto negativa e crede di non riuscire a vivere senza l’altro.

In particolare lo stato d’animo del dipendente affettivo può essere rappresentato da queste parole: “Non posso vivere senza di te”.

Come uscire dalla Dipendenza affettiva

Dipendenza affettiva: cause

Certamente potremmo chiederci: perché si è portati a instaurare una relazione dipendente?

Il modo più semplice per comprendere perché si resta intrappolati in una relazione così simbiotica è partire da due principali motivi.

Fragilità emotiva

Da una parte c’è la presenza di predisposizioni o fragilità personali.

Quando parliamo di fragilità emotiva ci riferiamo a continue oscillazioni intense e frequenti di emozioni che possono presentarsi in assenza o presenza di eventi piacevoli o spiacevoli.

Come per esempio: improvvise reazioni di pianto, eccessi di collera o sbalzi di umore. Questi vissuti sono eccessivi in relazione al contesto o alla situazione scatenante e quindi delineano i contorni della labilità o fragilità emotiva. Come conseguenza, in questo stato si diviene molto dipendenti e non si riesce a tollerare neanche piccole dosi di frustrazione, ansia, rabbia.

La maggior parte delle volte, anche la persona stessa riconosce infatti che queste manifestazioni emotive e comportamentali sono inappropriate e fuori dal proprio controllo, ma non riesce ad operare una buona gestione.

Vittime di manipolazione

Dall’altra si può rimanere coinvolti nella relazione con una persona che attua comportamenti manipolatori.

Non a caso, quando si è vittime della manipolazione emotiva si vive un bisogno fortissimo di fusione ed approvazione, che induce una forma di distorsione della propria identità. Divenendo così prede degli abusi psicologici del manipolatore, il quale in un certo senso viene idealizzato e si cerca costantemente il suo consenso.

Quali sono i comportamenti del dipendente affettivo?

Prima di tutto un aspetto fondamentale è la bassa autostima. Questa carenza infatti gioca un ruolo importante e concorre quasi sempre a determinare l’origine della dipendenza affettiva. Si tratta infatti di una percezione legata al vissuto di sé e proprio per questo la persona dipendente fa di tutto pur di venire incontro ai bisogni del partner.

Nella donna la dipendenza si esprime, il più delle volte, con l’attuazione di comportamenti protettivi e un’assunzione eccessiva di responsabilità nella relazione. Si tende a mettere da parte i propri bisogni e a soffocare la rabbia. Dietro tutto questo c’è sempre la paura dell’abbandono.

Per quanto riguarda l’uomo dipendente invece si manifesta in modo differente. È più facile che mascheri il proprio bisogno d’affetto e proietti all’esterno questa necessità. Per esempio potrebbe investire gran parte delle energie nel lavoro o impegnarsi eccessivamente in hobby e sport. Altre volte potrebbe sfociare nell’eccesso della gelosia patologica.

Come uscire dalla Dipendenza affettiva

Uscire da una relazione di dipendenza affettiva significa attraversare importanti fasi e questo non è certamente una cosa semplice.  Tuttavia è possibile farlo se si seguono alcuni importanti passaggi, che consentono alla persona dipendente di recuperare autonomia e stabilità interiore. Ma soprattutto lavorare sul recupero dell’autostima e superare la paura dell’abbandono.

Abbiamo visto cos’è la dipendenza affettiva e quali sono le più comuni cause, in misura diversa. Vediamo alcune possibili soluzioni per iniziare a uscirne.

Cosa fare dunque, per imparare a uscire dalla dipendenza affettiva e guardare avanti e oltre per ritrovare sé stessi e costruire relazioni sane che si basano sul senso di libertà e stabilità? Ti propongo di seguito 3 passi fondamentali.

1. Raggiungere la consapevolezza di sé

Come volevo dirti precedentemente chi è dipendente dal punto di vista affettivo perde continuamente di vista sé stesso. Questa condizione infatti mette bene in luce l’insicurezza di fondo o, detto diversamente, la carenza interiore che porta ad aggrapparsi all’altro.

La persona dipendente perde di vista se stessa e le risulta difficile riconoscere i propri bisogni al di fuori del legame di dipendenza. Non si prende cura dei propri interessi e non conosce i propri punti di forza. La principale carenza è il distacco dalla propria centralità. Non riesce a tenere un rapporto profondo con sé stessa. Si può dire che le personalità dipendenti manchino di fiducia, di forza, di autostima, da cui emerge la sensazione di vuoto interiore. Proprio questo induce alla ricerca ossessiva dell’altro.

Ma la frenetica ricerca di compensazioni esterne, tuttavia non nutrirà mai veramente, perché non potrà sostituire il nutrimento vero, che deriva soltanto dal contatto profondo con il nostro sé.

Raggiungere la consapevolezza di sé dunque è il passo più importante da fare per divenire indipendenti e poter instaurare relazioni sane e gratificanti.

Occorre anche ricordare che sperimentare una qualità profonda di amore verso se stessi è fondamentale per tutto il corso della nostra vita.

Quando ci conosciamo a fondo, siamo anche capaci di trarre piacere da noi stessi e dai nostri interessi e passioni. Impareremo ad apprezzare i nostri punti di forza e a provare soddisfazione, anche per le piccole cose. Imparando a rispettare noi stessi ci faremo anche rispettare dagli altri e saremo in grado di instaurare relazioni  che ci permettano di essere felici.

2.     Superare la paura dell’abbandono

Se vuoi vincere la dipendenza affettiva, devi sbarazzarti della paura dell’abbandono e raggiungere l’autonomia emotiva. Questo non è un passaggio semplice, tuttavia, non è neanche impossibile. Ci puoi riuscire a patto di valorizzare te stesso. Dovrai iniziare subito ad apprezzare gli aspetti positivi di te e renderti conto di quanto in alto puoi arrivare senza dipendere da nessun altro. Solo quando sarai in grado di superare la paura dell’abbandono, le cose cambieranno.

Ci sono persone che hanno sperimentato questa paura sin da bambini. A volte si è trattato, non tanto di un abbandono fisico, ma emotivo.

Molti studi scientifici affermano che le radici della dipendenza affettiva affondano nella prima infanzia e nelle prime esperienze di attaccamento che sono state sperimentate, stabilendo stili di attaccamento insicuri. Ma ancora più importante, la paura dell’abbandono rappresenta da sempre, l’elemento principale delle relazioni di dipendenza affettiva.

Perché accade questo? Perché questa paura porta il dipendente affettivo a trattenere l’altro, per garantire a sé stesso che non sarà abbandonato.

Purtroppo, però questi comportamenti disfunzionali, rendono ancora più fragili e insicuri. Non fanno altro che decentrare da sé stessi, nel tentativo di accondiscendere e soddisfare le aspettative dell’altro e prendersene cura. In questo modo saremo sempre vittime della convinzione che, senza l’altro, non ce la faremo a vivere. Saremo sopraffatti dal senso di angoscia, solitudine inadeguatezza.

Detto questo ora il passaggio più importante da fare è quello di imparare a superare la paura di essere abbandonati.

Impara a sviluppare la capacità di amarti.

Certamente, non è la presenza costante da qualcun altro a farci superare la paura. Ma al contrario, il lavoro psicologico che facciamo su di noi per costruire un più solido rapporto con noi stessi.

Instaurare dinamiche tossiche come l’eccessivo bisogno dell’altra persona, non ci permette di costituire la nostra autenticità e nemmeno di sentirci amati, appagati e apprezzati.

Quello che ci permette di sentirci validi come individui è l’amore che riusciamo a darci da noi stessi. Questo amore non ci farà sentire più abbandonati e sapremo avere cura di noi stessi.

Le persone nella nostra vita si potranno avvicendare ma rimarrà nel cuore la profonda consapevolezza di essere individui separati, capaci di restare fedeli a ciò che siamo e a ciò che amiamo, capaci di prenderci cura di noi.

Qualsiasi cosa succeda, occorre dunque cominciare ad agire piccoli e graduali comportamenti diversi dal solito. Per esempio: fare qualcosa da soli, imparare ad esprimere le proprie opinioni e preferenze. Così come dichiarare il proprio disaccordo, imparare a dire “no”. Un altro passo fondamentale è imparare gradualmente a tollerare il senso di paura dell’abbandono, a favore di una maggiore capacità di autoaffermazione e autodeterminazione. Ne verremo ripagati immensamente.

3. Diventare autoefficaci

Diventare autoefficaci significa soprattutto mettersi nella condizione di non dover dipendere da qualcun altro.

L’ autoefficacia corrisponde alla consapevolezza di essere capaci di dominare specifiche attività, situazioni ed eventi.

Il termine autoefficacia fu coniato dallo psicologo canadese Albert Bandura, per indicare “la fiducia che ogni persona ha nelle proprie capacità di ottenere gli effetti voluti con la propria azione.”

Quindi puoi iniziare prima di tutto trovando un lavoro, una casa in cui stare dopo la rottura di una convivenza o di un matrimonio. Mettere in azione i passaggi fondamentali per svincolarti dalle catene e tagliare il cordone ombelicale della dipendenza, non solo affettiva ma anche materiale, dall’altro.

Autoefficacia significa anche imparare a gestire in maniera ottimale le proprie risorse: il proprio denaro, la propria energia e il proprio tempo evitando inutili sprechi e finalizzando l’impegno a qualcosa di costruttivo e sano.

Allora detto in modo diverso, sviluppare una buona considerazione di te è in strettissimo rapporto con la tua autoefficacia. Per semplificare si potrebbe rappresentare l’autoefficacia come una parte costituente l’autostima.

Diventare autoefficaci significa anche abbandonare il senso di vittimismo. Anche se viviamo situazioni impegnative, è necessario rimboccarci le maniche e tirare fuori la nostra forza interiore e la nostra determinazione. Quantomeno spinti dal desiderio di costruirci una vita più serena e gratificante, anche se sarà faticoso.

Per la semplice ragione che finché non rinunciamo all’essere vittime delle situazioni, non saremo in grado di fare quel salto di qualità. Pur essendo a volte faticoso è la base di qualsiasi evoluzione personale, che potrà restituirci la misura del nostro valore e liberarci dalla schiavitù della dipendenza e aiutarci a raggiungere le nostre mete.

Come uscire dalla dipendenza affettiva Psicologo Vicenza

Cura per la dipendenza affettiva

Per quanto riguarda la cura della dipendenza affettiva, questa dipende dalla complessità del vissuto della persona.

Come abbiamo detto nel corso di questo articolo la dipendenza affettiva è un disturbo che riguarda l’attaccamento. E può essere affrontato in modo efficace con la psicoterapia. In particolare con la terapia individuale psicodinamica.

La cura per la dipendenza affettiva generalmente segue due passaggi:

1. Un primo passaggio per aiutare la persona ad affrontare la storia della relazione che sta vivendo al presente. Per passare poi a considerare la storia di vita, in cui ha vissuto la trascuratezza emotiva, l’abbandono, i maltrattamenti che hanno indotto una perdita del contatto col proprio sé.

Si cerca inoltre di portare bene l’attenzione soprattutto sulle modalità di pensiero che rafforzano la dipendenza e inducono vissuti negativi.

2. Il passaggio successivo è quello di aiutare la persona a prendere consapevolezza delle dinamiche che allontanano da una relazione sana e spingono invece a un attaccamento che possa compensare il vuoto interiore che sente.

Imparare a riconoscere i meccanismi alla base della dipendenza affettiva, è fondamentale per interrompere la ripetizione del meccanismo comportamentale che porta a dipendere dall’altro.

Per spiegare meglio, nel complesso, la psicoterapia si focalizza, quindi, sulla gestione delle emozioni legate alla paura dell’abbandono, del rifiuto e del restare soli. In modo analogo, si lavora inoltre per modificare le aspettative non realistiche idealizzate nei confronti del partner, riconoscendo i propri bisogni e la necessità di stabilire dei confini personali.

Se ritieni di aver bisogno di aiuto professionale, puoi contattarmi cliccando sul pulsante di seguito.


Bibliografia

Almaas A.H. (2013), Il Vuoto. Spazio Interiore e Struttura dell’Io, Crisalide: Roma

Almaas A.H.b (2008), La Pratica della presenza per realizzare la nostra natura autentica, Astrolabio- Ubaldini editore:Roma,

Almaas A.H (2002), Facets of Unity The Enneagramm of Holy Ideas, Shambhala Publications: USA

Chabert, Cupa, Kaes,Rouissillon. (2007), Didier Anzieu: Le Moi- peau et la psychanalyse des limites, Edition Erès: Toulouse

Costantino A. (2013) La libertà di essere se stessi. Il giudice interiore e il conflitto tra dovere ed essere, Tecniche Nuove: Milano

Bowlby J. (1989), Una base sicura, applicazioni cliniche della teoria dell’attaccamento, Raffaello Cortina Editori: Milano

Cernak T.L (1986), Diagnosis and Treating Co-Dependency, Johnson Institute Books: New York

Crittenden P.M. (1999), Attaccamanto in età adulta, Raffaello Cortina Editori: Milano

Epstein M. (1995), Pensieri senza un pensatore, la psicoterapia e la meditazione buddhista, Ubaldini Editore: Roma

Frank Ruella (2005), Il corpo consapevole, un approccio somatico ed evolutivo alla psicoterapia, Franco Angeli: Milano

Ginger Ae S. (1987) La gestalt, terapia del con-tatto emotivo, edizioni Mediterranee: Roma

Peabody S. (1989). Addiction to love: Overcoming obsession and dependency in relationships. Ten Speed Press.

Cosa ne pensi di questo post?
[Totali: 3 Media: 5]
Dott.ssa Anna Maria Pisanello

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologo-Psicoterapeuta a indirizzo Psicodinamico e Ipnoterapeuta. Iscritta all'Ordine degli Psicologi del Veneto col Numero 11348 Svolgo la libera professione come Psicologo Psicoterapeuta e Ipnoterapeuta a Thiene Vicenza. Sono specializzata in Psicoterapia Psicodinamica e Ipnoterapia. Da oltre 29 anni metto le mie competenze al servizio delle persone che seguo, sostenendole nel loro percorso di vita e di crescita personale come Psicologo a Thiene, ma anche Psicoterapeuta, Ipnoterapeuta e Operatore di Training Autogeno. Fornisco Consulenza Psicologica e Psicoterapia per ansia, attacchi di panico, depressione, disturbi delle relazioni, bassa autostima, crisi di coppia. Ricevo nel mio Studio di Psicologia e Psicoterapia a Thiene Vicenza, Galleria Garibaldi, 35. Come Psicologo Psicoterapeuta lavoro con le persone, per aiutarle a prendere maggiore consapevolezza delle proprie percezioni e modificare la propria prospettiva quando serve. Le aiuto a gestire l’ansia, le emozioni e quindi i comportamenti disfunzionali, che portano a sofferenza. Ognuno di noi va bene così com'è. Tuttavia certe volte, possiamo decidere di cambiare l'approccio che abbiamo alla vita, per sentirci più felici e stare meglio. In quanto Psicologo Psicoterapeuta aiuto le persone a trovare le più adeguate alternative al proprio sentire e agire per potersi sentire più libere, veramente libere di scegliere.

Leave a reply