Dipendenza Affettiva: come si riconosce una persona con dipendenza affettiva?

Dipendenza Affettiva come si riconosce

Dipendenza Affettiva come si riconosce

Ti è mai capitato di chiederti come riconoscere la dipendenza affettiva? Quali sono le caratteristiche del dipendente? E gli elementi ricorrenti nel suo comportamento?

Essere affettivamente dipendenti è pericoloso. Imparare a riconoscere la dipendenza affettiva è fondamentale, per aiutarci a prendere consapevolezza del problema.

In questo articolo ci addentriamo nel considerare se abbiamo a che fare con qualche forma di dipendenza affettiva e come riconoscerla.

Dipendenza Affettiva come si riconosce

LEGGI ANCHE

Dipendenza Affettiva- 3 passi per affrontarla

Dipendenza Affettiva come si riconosce

Come capire se hai un problema di dipendenza emotiva

La dipendenza affettiva si caratterizza per un grado di forte dipendenza, fino alla perdita della propria identità e autonomia.

Spesso scambiamo i nostri sentimenti di dipendenza per sentimenti di amore o di affetto. È facile perdersi in quei sentimenti e, se non li identifichiamo adeguatamente, rischiamo di perdere la nostra autenticità e identità.

La dipendenza non è amore o affetto e non potrà mai esserlo

Avere una certa dipendenza affettiva è normale nella vita, ma quando la nostra felicità arriva a fare affidamento su qualcun altro, può essere paralizzante.

Come riconoscere la dipendenza affettiva?

Essere troppo dipendenti nelle relazioni, implica una mancanza di amore per sé stessi e può indurre ansia e disturbi di ansia. 

Questa incapacità di valorizzare sé stessi crea un circolo vizioso negativo, che porta a cercare costantemente sicurezza negli altri.

Include tratti ansiosi e porta a sentimenti di bassa autostima. Prevale uno stile di attaccamento in cui l’ansia assume un ruolo importante.

Dipendenza Affettiva come si riconosce

FORSE PUÒ’ INTERESSARTI ANCHE

Test Ansia- Misura quanto sei ansioso

Dipendenza Affettiva come si riconosce

 

In generale, la dipendenza affettiva può essere inquadrata nel campo generale New Addiction, Nuove Dipendenze di tipo comportamentale.  Come esposto nel DSM-5, il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (American Psychiatric Association), tra cui si ritrovano:

  • La dipendenza da Internet

  • Il gioco d’azzardo patologico

  • La dipendenza da sesso

  • La dipendenza da sport

  • Lo shopping compulsivo

  • La dipendenza da lavoro

  • 6 caratteristiche del dipendente affettivo

Dipendenza Affettiva come si riconosce

Chi soffre di dipendenza affettiva presenta almeno 3 delle seguenti caratteristiche:

1. Come prima caratteristica la persona che soffre di dipendenza affettiva, ha difficoltà a prendere decisioni quotidiane senza un’eccessiva quantità di consigli e rassicurazioni da parte degli altri.

2. Poi ha bisogno che altri si assumano la responsabilità per la maggior parte dei suoi settori della vita.

3. Ha difficoltà ad esprimere disaccordo verso gli altri per il timore di perdere supporto o approvazione.

4. Un altro comportamento molto importante riguarda la difficoltà a iniziare progetti o a fare cose autonomamente. Questo per una mancanza di fiducia nel proprio giudizio o nelle proprie capacità piuttosto che per mancanza di motivazione o di energia. 

5. Inoltre un altro elemento fondamentale è il tempo investito nella relazione molto ampio. 

6. Infine la persona con dipendenza affettiva si isola e rinuncia ad altri tipi di attività sociali, lavorative o di svago.

Dipendenza affettiva- Riconoscere il problema

Le persone emotivamente dipendenti non sono solo insicure, hanno un bisogno ossessivo di essere vicine e attaccate alle altre persone.

Questo tipo di estrema insicurezza porta anche all’insicurezza sul futuro e alla paura ossessiva di perdere l’amore.

Le persone dipendenti hanno una paura quasi folle di non essere abbastanza brave, che deriva dai loro traumi e delusioni infantili radicati. Hanno anche una costante sensazione di ansia che rende difficile per loro accettare le sofferenze psicologiche e fisiche che accompagnano l’amore e la perdita.

Una perdita di autostima

Sebbene la dipendenza affettiva derivi da una mancanza di autostima, questa la distrugge a sua volta, perché mina la nostra fiducia in modo sottile e nel tempo.

Quando diventiamo troppo dipendenti emotivamente, perdiamo noi stessi, le nostre sicurezze, la fiducia nelle relazioni.

Dipendenza affettiva e relazioni tossiche

Trovarci in relazioni così tossiche e divoranti può farci isolare e perdere il contatto con gli altri, interrompendo così la nostra connessione con il mondo esterno. Perdiamo rapidamente le abilità sociali che sono inestimabili per la nostra felicità a lungo termine e ci sentiamo intrappolati e privi di forza.  

Esplorare il nostro passato è la chiave per superare la dipendenza affettiva

Il primo passo per superare la dipendenza affettiva è identificare i fattori scatenanti che ti tengono legato negativamente al passato. 

Recenti studi scientifici hanno collegato la dipendenza affettiva con i comportamenti, le persone o le abitudini che portano alla luce tutti vissuti negativi del passato che non ti fanno sentire amato.

Quando inizi a lavorare su te stesso attraverso un percorso di Psicoterapia, inizi a vedere le trappole e puoi così iniziare a evitarle prima di trovarti coinvolto in esse.

La dipendenza affettiva se non curata può diventare anche patologica, e sfociare nel disturbo dipendente di personalità.

Imparare a identificare gli schemi mentali che subentrano,  ci consente anche di vincere le trappole che sono al centro della nostra dipendenza emotiva.

Se ti senti in dubbio nel riuscire a riconoscere alcune condizioni della dipendenza affettiva, non esitare a chiedere aiuto a uno psicoterapeuta esperto del settore.

Come vincere la dipendenza affettiva con la psicoterapia

Il campo della dipendenza affettiva è molto vasto e per superarla si può ricorrere alla psicoterapia individuale o alla psicoterapia di coppia.

A seconda dell’obiettivo prefissato, per esempio nel caso della psicoterapia individuale si lavora principalmente sulla ristrutturazione delle credenze disfunzionali legate al proprio valore e alla propria amabilità. Sulla gestione delle emozioni legate alla paura della solitudine, del rifiuto e dell’abbandono.

In questo caso, è un processo complesso e che, in alcuni casi, può richiedere del tempo.

In altri casi potrebbe anche essere contemplata una psicoterapia di coppia, quando il rapporto di coppia diviene vincolante e offusca i bisogni dell’individuo, soffocandone l’individualità.

Il trattamento della dipendenza affettiva nella coppia mira a creare le basi per formare relazioni affettive basate sulla reciprocità, piuttosto che sulla codipendenza affettiva.

 Cercando di allentare il controllo dell’altro e riappropriarsi della propria identità.

Per uscire dalla dipendenza emotiva e affettiva, è necessario tempo e un supporto professionale.

Se ritieni di aver bisogno di un aiuto  professionale

Puoi consultarmi >>  qui.

Bibliografia

  • Albano T., Gulimanoska L., In-Dipendenza: un percorso verso l’autonomia. Vol. I-Manuale sugli aspetti eziopatogenetici, clinici e psicopatologici delle dipendenze. Milano: FrancoAngeli; 2006
  • Caretti e La Barbera: Le dipendenze patologiche, clinica e psicopatologia. Milano: Raffaello Cortina; 2005
  • Guerreschi C., New addictions. Le nuove dipendenze. Edizioni San Paolo, Milano; 2005
  • Giddens A., The transformation of intimacy: sexuality, love and eroticism. Cambridge: Polity press; 1992
  • Harriet Goldhor Lerner, La danza della rabbia. Edizioni Corbaccio, 1996
  • Miller D., Donne che si fanno male. Milano: Feltrinelli, 1994

 

Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

Vuoi migliorare l’Autostima?

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri di più 

videata

Cosa ne pensi di questo post?
[Totali: 6 Media: 5]
Dott.ssa Anna Maria Pisanello
Dott.ssa Anna Maria Pisanello

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologo-Psicoterapeuta a indirizzo Psicodinamico e Ipnoterapeuta. Iscritta all'Ordine degli Psicologi del Veneto col Numero 11348 Svolgo la libera professione come Psicologo Psicoterapeuta e Ipnoterapeuta a Thiene Vicenza. Sono specializzata in Psicoterapia Psicodinamica e Ipnoterapia. Da oltre 29 anni metto le mie competenze al servizio delle persone che seguo, sostenendole nel loro percorso di vita e di crescita personale come Psicologo a Thiene, ma anche Psicoterapeuta, Ipnoterapeuta e Operatore di Training Autogeno. Fornisco Consulenza Psicologica e Psicoterapia per ansia, attacchi di panico, depressione, disturbi delle relazioni, bassa autostima, crisi di coppia. Ricevo nel mio Studio di Psicologia e Psicoterapia a Thiene Vicenza, Galleria Garibaldi, 35. Come Psicologo Psicoterapeuta lavoro con le persone, per aiutarle a prendere maggiore consapevolezza delle proprie percezioni e modificare la propria prospettiva quando serve. Le aiuto a gestire l’ansia, le emozioni e quindi i comportamenti disfunzionali, che portano a sofferenza. Ognuno di noi va bene così com'è. Tuttavia certe volte, possiamo decidere di cambiare l'approccio che abbiamo alla vita, per sentirci più felici e stare meglio. In quanto Psicologo Psicoterapeuta aiuto le persone a trovare le più adeguate alternative al proprio sentire e agire per potersi sentire più libere, veramente libere di scegliere.

Leave a reply