Perfezionismo Patologico, cos’è e come gestirlo

perfezionismo

Perfezionismo patologico.

Il perfezionismo patologico è un aspetto della personalità, che porta ad effetti significativamente negativi. La persona si sente ossessivamente spinta a pretendere da se stessa e dagli altri la perfezione assoluta.

Inoltre, una persona che soffre di perfezionismo patologico,  deve fare ogni cosa, eccezionalmente bene, per non perdere la propria autostima.

Le conseguenze del perfezionismo patologico, possono essere molto importanti e indurre:

In questo articolo cercheremo di vedere meglio nel dettaglio, cos’è il perfezionismo patologico e come lo possiamo gestire.

Cos’è il perfezionismo patologico? 

Il perfezionismo, è una qualità molto apprezzata nella nostra società. Ma purtroppo, non sempre è un tratto funzionale della personalità. Infatti, quando supera alcuni limiti, il perfezionismo può rivelarsi controproducente e portare alla frustrazione e allo stress.

Effettivamente, quando nutriamo aspettative troppo elevate nei confronti di noi stessi e degli altri, possiamo arrivare a  compromettere gravemente la nostra autostima. E a volte può essere così grave da giungere persino  alla depressione.

Siamo dei perfezionisti? Cadiamo spesso nell’autocritica?

Le ricerche mostrano che i perfezionisti possono demoralizzarsi facilmente.

Cerchiamo di capire innanzi tutto, cos’è il perfezionismo.

Quando parliamo di perfezionismo ci riferiamo a una forma di abitudine a richiedere prestazioni sempre maggiori e migliori a noi stessi e agli altri rispetto alla necessità della situazione.

Inoltre a questo si accompagna una valutazione molto critica del proprio e altrui comportamento.

Perfezionismo patologico

Quali sono le caratteristiche del perfezionismo patologico?

Ora cerchiamo di vedere meglio, quando il perfezionismo, sfocia nella patologia. Quali sono dunque le sue caratteristiche?

Prima di tutto, le persone che presentano un perfezionismo patologico, sentono di non fare mai abbastanza. Non provano piacere in quello che fanno. Si concentrano solo sugli errori e sprecano la loro energia, nel tentativo di non sbagliare mai.

Ecco di seguito le principali caratteristiche.

perfezionismo patologicoAttenzione rivolta sempre agli errori

perfezionismo patologicoInterpretazione degli errori come indice di fallimento

perfezionismo patologicoConvinzione che l’errore porti alla perdita della stima da parte degli altri

perfezionismo patologico Standards di riferimento irrealistici e impossibili da raggiungere

perfezionismo patologico Sforzi estremi per raggiungere questi standards

perfezionismo patologicoAuto valutazioni rigide e severe che mirano al tutto o nulla

perfezionismo patologicoTimore delle critiche e del giudizio degli altri

Purtroppo, quando cadiamo nella smania dell’essere sempre e troppo perfetti rischiamo di cadere nella inefficacia e generiamo uno spreco di energia, che danneggia la salute e le relazioni.

Questo problema è più diffuso di quello che pensiamo, infatti moltissime persone soffrono di una malsana forma di perfezionismo che può sfociare nel Disturbo Ossessivo Compulsivo, nella Fobia Sociale e persino nella Depressione.

Quali sono le caratteristiche di una persona eccessivamente Perfezionista?

Il Perfezionismo Patologico non riguarda solo l’ordine smisurato per gli oggetti esterni, ma l’attenzione è portata a ogni dettaglio minimo.

La precisione è portata all’esasperazione.

Si tratta infatti di persone estremamente cavillose legate alla puntualità portata all’estremo, dove il pensiero non contempla la dimensione del possibile….. e dell’imprevedibile.

Tutto deve essere tenuto sotto controllo e non è ammesso l’errore.

In questo modo la propria esistenza diviene molto limitata e tutti gli sforzi sono fatti per assicurarsi una forma di pensiero magico e irreale, la certezza del successo.

Si tratta di persone molto controllate e controllanti, dove gli standard sono eccessivamente elevati.

Ovviamente alla base c’è un profondo senso di inadeguatezza che viene compensato con il sommo tentativo di evitare l’errore.

Quali sono i fattori che creano l’eccessivo perfezionismo?

Possono essere di diversa natura…

Essenzialmente li riconduciamo a due aspetti:

perfezionismo patologicoUna forte dipendenza dalla ricompensa e dall’approvazione degli altri, dunque una bassa autostima alla base.

In questo caso il Perfezionista evita in tutti i modi situazioni che potrebbero causare una perdita dell’approvazione a causa di un suo errore.

Cerca così di evitare in modo assoluto gli errori che potrebbero portare a critiche.

perfezionismo patologicoUna predisposizione alla Personalità di tipo Ossessivo Compulsivo.

Tuttavia, in questo caso subentrano le esperienze di vita e soprattutto i modelli di riferimento genitoriali con pretese eccessive e richieste di perfezione.

E’ risaputo che l’eccessiva preoccupazione di compiere errori e la paura del giudizio negativo degli altri derivano da esperienze nell’infanzia.

Dove l’amore manifestato dai genitori è condizionato dal rendimento del bambino e le ricompense non sono mai sufficienti.

Così il bambino non si sente mai soddisfatto, perché il suo comportamento non è mai abbastanza corretto per guadagnare l’approvazione dei genitori.

E’ così che attua uno sforzo continuo per ottenerla risultandone sempre frustrato.

Alcuni tipi di infanzia aumentano la probabilità che una persona sviluppi il perfezionismo patologico?

È certamente probabile che l’eredità genetica, possa mettere una persona  a maggior rischio  di sviluppare perfezionismo patologico. Tuttavia, finora la ricerca scientifica, suggerisce che l’ambiente  gioca un ruolo fondamentale.

E per ritornare al concetto espresso sopra, prendiamo l’esempio dei bambini allevati da genitori che hanno mostrato affetto e approvazione solo quando eccellevano in alcune attività.  

In questi casi l’amore dei genitori era subordinato ai livelli di rendimento del bambino. Questo ovviamente in vari ambiti come: scuola, sport, rendimento musicale o altro.

In altre parole, il bambino potrebbe sviluppare il perfezionismo patologico, nel tentativo, conscio o inconscio, di ottenere  o mantenere l’amore e le attenzioni dei genitori.

I traumi psicologici influiscono significativamente

Inoltre, se un bambino ha subito traumi psicologici significativi, durante l’infanzia, può avvertire  un profondo senso di “essere fuori controllo”. Di conseguenza, può sviluppare un perfezionismo patologico nel tentativo di compensare questo vissuto.

In realtà, il vissuto principale del perfezionista patologico è la percezione di un senso profondo di inadeguatezza. Sembra che ignori o minimizzi ogni successo e si fissi solo sul fallimento e sull’errore.

Non c’è nulla che lo possa soddisfare e deve sempre fare di meglio e ottenere di più.

Per questo, rimane intrappolato nel circolo vizioso estenuante e debilitante, senza mai raggiungere la sua “destinazione.

La ricerca del successo può anche essere intrapresa in un modo psicologicamente sano

Certo, la ricerca del successo può anche essere intrapresa in un modo psicologicamente sano. Soltanto quando rientra in  una modalità di tipo ossessivo che può essere definita “patologica”. Perché genera conseguenze molto negative. Allora in questi casi, diventa ragionevole categorizzarlo come patologico.

Perfezionismo patologico e autostima

Infine, per decidere se il perfezionismo è patologico, dobbiamo fare appello alla nostra autostima. A quanto questa dipende strettamente dal conseguire sempre un grande successo. Maggiore è questa dipendenza, più si avvicina alla patologia il livello di perfezionismo della persona.

Come possiamo gestire il perfezionismo patologico?

Cosa possiamo fare per vincere il Perfezionismo? Come possiamo fare per non sentirci sempre manchevoli di qualcosa e, quindi, sentire continuamente il bisogno di inseguire la perfezione?

Prima di tutto, per superare il perfezionismo che ci ostacola nel nostro benessere è necessario divenire consapevoli di quelli che sono i tratti perfezionistici che ci creano problemi nella vita quotidiana e agiscono in modo negativo sulla visione di noi stessi e degli altri.

Poi potremmo cominciare a lavorare su alcuni aspetti di noi stessi:

perfezionismo patologicoCerchiamo di vincere l’autocritica, individuando i pensieri automatici e le convinzioni limitanti che ci sono in essi.

perfezionismo patologico Ristrutturiamo i pensieri automatici negativi, sostituendoli con pensieri positivi e funzionali che ci fanno uscire dal senso di DOVERE COMPULSIVO.

perfezionismo patologico Sfidiamo il Perfezionismo mettendo in atto deliberatamente comportamenti che vanno nella direzione opposta.

 

 Perfezionismo patologico- Trattamento 

Il perfezionismo patologico può rispondere molto bene alla psicoterapia individuale psicodinamicaInoltre, se il perfezionismo è collegato ad altre condizioni (come menzionato sopra), anche queste possono migliorare se il perfezionismo patologico viene trattato con successo.

 

                                                                                       Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

_________________________________

Soffri di Ansia?

Ecco il Nuovo Corso Digitale per Imparare a Gestire l’ Ansia e il Panico

Le 10 Tecniche Fondamentali che Ti porteranno a Risolverla in 30 giorni

Clicca qui e scopri tutto

Ansia, Vincere l'Ansia

ansia-ebook

_____________________

Vuoi migliorare l’Autostima?

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri tutto

videata

Cosa ne pensi di questo post?
[Totali: 0 Media: 0]

Leave a reply