Ansia – Reprimere la rabbia è pericoloso

Ansia- Reprimere la rabbia è pericoloso

Ansia- Reprimere la rabbia è pericoloso

Reprimere la rabbia può diventare molto contro produttivo, perché se non la lasciamo fluire, si ritorce contro di noi, procurandoci ansia e sintomi psicosomatici.

La rabbia è un’emozione che ci mangia dentro… A volte ci sommerge, quasi ci imprigiona. E poi ci sentiamo in colpa quando siamo arrabbiati.

Vero? … Ci sono volte in cui la rabbia e il rancore che sentiamo per un torto subito, possono veramente rovinarci la vita…

Ansia- Reprimere la rabbia è pericoloso

Ansia- Reprimere la rabbia è pericoloso- Come riconoscerla e imparare a liberarsene 

A volte, tutti noi reprimiamo la rabbia e facciamo finta che nulla sia successo, perché in questo modo ci pare di salvare le apparenze. In realtà, oltre a danneggiarci, offre agli altri la possibilità di capire come poterci dominare e avere la meglio su di noi.

Il punto è che la rabbia dobbiamo imparare a canalizzarla, perché se è vero che possiamo reprimerla, prima o poi esploderà!

La rabbia repressa causa problemi di ansia

A lungo andare chi reprime la rabbia si ammala di ansia.

Questo perché, tendiamo a credere che le nostre emozioni non ci appartengano e le riteniamo qualcosa di non collegato col nostro benessere psicologico.

Ma non è così! Le emozioni si manifestano sempre sia nel corpo che nella mente.

 

Quando la rabbia che non è controllata adeguatamente, provoca un’alterazione della nostra psiche.

Implodere la rabbia per non ferire o per mantenere il quieto vivere, ci porta a ingigantire il nostro stato di malessere e ci fa accumulare tensione che prima o poi sfocerà in attacchi di panico, disturbi d’ansia o ansia sociale.

L’emozione deve fluire… Stabilisci dei limiti

Quando la rabbia ti pervade e non sai controllarla, nella tua testa agiscono pensieri che ti stanno portando a perdere il controllo di te stesso.

Allora… Stabilisci dei limiti!

La rabbia fa parte di noi, in quanto esseri umani e questo è un dato certo.

Il punto è che bisogna stabilire dei limiti sani ed  essere consapevole del fatto che non riesci a controllare questa emozione. Spesso ti dici, non potevo farne a meno, è naturale che sia così… Però a volte può succedere che dopo una grande arrabbiatura, tu pensi di volertene liberare, perché così veramente non ti piaci e sei consapevole che in questo modo anche gli altri non apprezzano pienamente il valore di te.

Ansia- Reprimere la rabbia è pericoloso

Poniti alcune domande… Questo è un passo importante.

Sei arrabbiato perché:

  • Qualcuno ti sta facendo qualcosa?
  • E’ stata riaperta una tua ferita del passato?
  • T senti trattato male?

Affronta la tua rabbia, iniziando a rispondere a queste domande. Potrai così iniziare a fare chiarezza dentro di te. E poi in realtà non è assolutamente vero che non puoi gestire la rabbia e oltre tutto, che sia implosiva o esplosiva è veramente una cosa inutile… Ti abbassa ancora di più l’autostima e ti fa sentire in colpa.

 

Comunica il tuo stato d’animo

È vero, ci sono situazioni in cui gli altri vogliono veramente ferirci. Ma a volte non è così…

Allora decidi di affrontare il vero problema. Analizza lo stato d’animo che provi e poi usa gli strumenti necessari per comunicare la rabbia, senza fare troppi danni.

In fin dei conti, arrabbiarsi è un’abitudine che tu hai deliberatamente scelto di continuare a utilizzare.  L’hai appresa come modalità di reagire alle frustrazioni e ne hai fatto uno stile di comportamento. La rabbia incontrollata, implosiva o esplosiva che sia, non ti rende niente, ti debilita e ti depotenzia.

Comunica la rabbia con modalità opportune… Non fare finta che non ci sia. Riconosci che è un’emozione naturale che tutti proviamo e permettiti di poterla sperimentare. Impara a comunicarla in maniera sana, evitando che possa prendere il potere su di te.

Reprimere la rabbia ti porta a stati d’ansia invalidanti. Liberati e ti sentirai sollevato. Togliti questo grande peso che ti porti dentro e vivila in maniera consapevole e sana…

Non negarla! “Non siamo mai così indifesi verso la sofferenza, come quando la neghiamo.”

 

Grazie per avermi letto!

Se hai trovato utile questo articolo lascia un tuo commento

_________________________________

Soffri di Ansia?

Ecco il Nuovo Corso Digitale per Imparare a Gestire l’ Ansia e il Panico

Le 10 Tecniche Fondamentali che Ti porteranno a Risolverla in 30 giorni

Clicca qui e scopri tutto

Ansia, Vincere l'Ansia

ansia-ebook

_____________________

Vuoi migliorare l’Autostima?

Nuovo Corso Digitale di Autostima

Per apprendere con Tecniche ed Esercizi Pratici come Migliorare con Successo TE STESSO!

Clicca qui e scopri tutto

videata

 

Cosa ne pensi di questo post?
[Totali: 0 Media: 0]
Dott.ssa Anna Maria Pisanello
Dott.ssa Anna Maria Pisanello

Dott.ssa Anna Maria Pisanello Psicologo-Psicoterapeuta a indirizzo Psicodinamico e Ipnoterapeuta. Iscritta all'Ordine degli Psicologi del Veneto col Numero 11348 Svolgo la libera professione come Psicologo Psicoterapeuta e Ipnoterapeuta a Thiene Vicenza. Sono specializzata in Psicoterapia Psicodinamica e Ipnoterapia. Da oltre 29 anni metto le mie competenze al servizio delle persone che seguo, sostenendole nel loro percorso di vita e di crescita personale come Psicologo a Thiene, ma anche Psicoterapeuta, Ipnoterapeuta e Operatore di Training Autogeno. Fornisco Consulenza Psicologica e Psicoterapia per ansia, attacchi di panico, depressione, disturbi delle relazioni, bassa autostima, crisi di coppia. Ricevo nel mio Studio di Psicologia e Psicoterapia a Thiene Vicenza, Galleria Garibaldi, 35. Come Psicologo Psicoterapeuta lavoro con le persone, per aiutarle a prendere maggiore consapevolezza delle proprie percezioni e modificare la propria prospettiva quando serve. Le aiuto a gestire l’ansia, le emozioni e quindi i comportamenti disfunzionali, che portano a sofferenza. Ognuno di noi va bene così com'è. Tuttavia certe volte, possiamo decidere di cambiare l'approccio che abbiamo alla vita, per sentirci più felici e stare meglio. In quanto Psicologo Psicoterapeuta aiuto le persone a trovare le più adeguate alternative al proprio sentire e agire per potersi sentire più libere, veramente libere di scegliere.

  • Si in effetti reprimere la rabbia é quello che tento di fare sopratutto quando mi sento tradita da persone che da me hanno ricevuto tanto. Poi quando esplodo lo faccio in modo che non controllo più le parole che uso.

    • : Ho letto e accetto informativa sul trattamento dei dati personali http://www.vicenzapsicologia.it/privacy-policy.html
  • Non si tratta , almeno per me , di rabbia se una persona usa le debolezze , mie, pur di ortreggiare la mia persona e portala verso il proprio volere egocentrico di aver sotto controllo tutto, si tratta di sentirsi alla fine annullati , annullato il passato vissuto , con errori e pure scelte ma comuqnue che ci abbia fatto maturare, la rabbia se cosi è , viene espressa nel chiudersi in se stessi e trovare nella classica bolla personale quel luogo sicuro , luogo sicuro che sarebbe comuqnue quello in cui la persona che ami e che pensavi ti amasse, descrive quel amore come aiuto personale senza capire che ne sta disfando ogni valore, se si ama una persona non la si mette mai nello stadio di conflitto con se stesso, lo si aiuta a risolvere o a pensare il meglio perchè il negativo venga espulso con la consapevolezza che di per se è un negativo , paura, rabbia , e non se ne crea di nuova solo per il bellissimo motivo di aver tutto per se, lavorare con i lupi mi ha portato a capire la condivisione delle emozioni , sconfiggere la paura senza crearne , combattere la paura affrontando cosa ne sia la natura, non aggiungendone altra per induzione.

    • : Ho letto e accetto informativa sul trattamento dei dati personali http://www.vicenzapsicologia.it/privacy-policy.html
  • Leave a reply to Adriana Cancel